09.03.2020

Coronavirus: un fondo Cariplo per gli Enti non profit in difficoltà

Il Consiglio di Amministrazione di Fondazione Cariplo ha approvato la costituzione di un fondo di 2 milioni di euro per mitigare gli effetti indesiderati nei confronti degli enti non profit, causati dalle misure di contenimento del COVID-19.

Le risorse messe a disposizione da Fondazione Cariplo saranno rivolte in via prioritaria, ma non esclusiva ai territori maggiormente colpiti dalle misure precauzionali attivate. I danni collaterali prodotti dal Coronavirus e dalle necessarie misure di contenimento adottate sono molteplici. Qui di seguito ne citiamo alcuni indicate dagli Enti del Terzo settore direttamente coinvolti:

  • l’esigenza di rispondere ai bisogni di cura di alcune categorie particolarmente fragili, che si sono trovate senza supporto a causa della chiusura dei servizi ordinari, ha determinato un innalzamento dei costi del servizio per i quali non è prevista nessuna copertura economica;
  • la chiusura dei servizi diurni, in particolare per quelli a gestione diretta o in convenzione con l’ente pubblico con forme contrattuali che prevedono il pagamento a prestazione e non a forfait, ha generato una riduzione delle entrate a sostanziale parità di costi e sta quindi causando una sofferenza economica delle organizzazioni, oltre ovviamente a un problema della gestione del carico di cura da parte delle famiglie;
  • la chiusura delle attività culturali, oltre ai problemi legati ai mancati introiti di queste settimane a fronte di costi non comprimibili, causerà difficoltà organizzative legate alla ricalendarizzazione degli eventi, ai rimborsi di biglietti già pagati, o a eventuali extra-costi (si pensi al prolungamento dei tempi di apertura delle mostre per far fronte alle prenotazioni già accolte);
  • in certe aree, le cooperative sociali di tipo B hanno dovuto bloccare la produzione e potrebbero non riuscire a rispettare le scadenze delle commesse: problema particolarmente significativo per commesse non procrastinabili (ad esempio la produzione di prodotti pasquali).

Continua

Coronavirus