04.04.2022

Guerra Ucraina: “In un mese di conflitto, oltre 35.000 assistiti in più in Italia”

Sono oltre 35mila in più le persone che dallo scoppio della guerra in Ucraina ad oggi il Banco Alimentare assiste in tutta Italia attraverso le strutture caritative convenzionate.  In un solo mese di conflitto il Banco Alimentare registra un aumento considerevole di richieste di sostegno a causa dell’arrivo dei profughi dall’estero e delle conseguenze sociali ed economiche che la guerra sta iniziando a provocare anche nel nostro Paese.

“Nella sola Lombardia – sottolinea Giovanni Bruno, presidente della Fondazione Banco Alimentare Onlus – sono 200 le strutture caritative che dichiarano incrementi di assistiti, al momento temporanei, causati dall’arrivo di profughi. Il loro numero è destinato a crescere nel tempo e riguarderà non solo le regioni del Nord ma anche quelle del Centro e del Sud Italia, come già stiamo riscontrando in questi giorni. Noi saremo come sempre al loro fianco non solo nell’immediato ma, consapevoli che la situazione non potrà migliorare nel breve, soprattutto nel medio/lungo periodo, quando, speriamo presto, la guerra finirà ma non verranno meno le sue conseguenze nel tempo anche nel nostro Paese”. 

(Continua)

Emergenza Ucraina