29.11.2023

Haiti: intervenire subito per uscire dalla crisi. L’evento di AVSI al Parlamento Europeo

Dalle proteste anti-corruzione del 2018 ad oggi, ad Haiti la situazione è sempre più ingovernabile e si deteriora giorno dopo giorno. La possibilità di attuare interventi umanitari a sostegno della popolazione, tenuta in ostaggio dalle bande armate, diventa sempre più limitata e ogni giorno muoiono persone a causa della violenza e della fame: una perdita di vite umane che va fermata.

Dal 1999 AVSI è presente ad Haiti, dove ha sempre lavorato per implementare progetti di sviluppo e di emergenza. A causa della crisi che il Paese sta attraversando, negli ultimi 5 anni la sua azione si è indirizzata sempre di più verso interventi umanitari in risposta ai bisogni emergenti della popolazione, ma senza mai interrompere il nesso con lo sviluppo.

Al momento i fondi esistenti non sono sufficienti, in quanto lo Scale Up dell’azione umanitaria adottato dalle Agenzie ONU nell’aprile 2023 non ha ancora prodotto un effettivo incremento nella risposta ai bisogni della popolazione e la situazione di sicurezza è in constante degradazione, causando l’aumento dei costi delle operazioni.

AVSI e Fabio Massimo Castaldo, già vice presidente e membro non iscritto del Parlamento Europeo, hanno organizzato nei giorni scorsi  l’evento “Haiti: intervenire subito per uscire dalla crisi“, per riportare l’attenzione su questo Paese e muovere azioni concrete immediate.

In questa occasione, AVSI ha presentato un position paper che, alla luce della sua esperienza sul campo e conoscenza diretta della realtà locale, propone una fotografia sintetica del contesto e individua diversi ambiti in cui donatori e operatori possono intervenire immediatamente per accompagnare il Paese fuori dalla crisi in cui è precipitato.

Scarica il position paper di AVSI su Haiti

 

AVSI